Le rovine del Fila, un simbolo della distanza dai nostri sogni (foto LD)
Le rovine del Fila, un simbolo di come vogliono ridurre il nostro orgoglio (foto LD)

Tra pochi giorni sarà consegnata una petizione nata su internet tra tifosi del Toro e ci sembra giusto interpellare anche i Club Granata.

A questa petizione online hanno risposto e firmato più di 2100 tifosi, oltre ad aver dato la loro adesione come Toro Club il club RomaGranata, Viterbo Granata, Taranto Granata e Matera Granata, più l’adesione dell’organizzazione ToroMio.

In collaborazione con tutti i tifosi del Toro e cittadini di Torino e del Piemonte interessati, Toro Supporters Network ha lanciato la petizione affinché il Sindaco di Torino, Piero Fassino, ritorni sui suoi passi e scelga una persona di maggiore profilo per il ruolo di rappresentante del Comune e Presidente del CdA della Fondazione Filadelfia.

La petizione chiede che l’interessato, Giuseppe Alberto Zunino, anche in virtù della sua fede granata che ha dichiarato, condannato nel 1994 per corruzione e per falso per permettere un abuso edilizio che ha fruttato alla FIAT 70 miliardi di lire (e poi puntualmente ricompensato dalla FIAT con incarichi onorifici quali la dirigenza del Museo dell’Automobile e della Sestrieres SpA) faccia un passo indietro e rinunci all’incarico per consentire ad una persona più adatta di sostituirlo in questo importante ruolo.

La persona incaricata di essere il Presidente della Fondazione Filadelfia avrà molti compiti importanti. Oltre ad avere un voto pesante nel CdA, in un CdA che vede già i tifosi poco rappresentati e tutelati, sarà il nostro biglietto da visita verso il mondo esterno, la persona la cui immagine sarà giocata ogni volta che ci sarà un avanzamento dei lavori del Fila. Colui che, cappello in mano, andrà presso le istituzioni a chiedere finanziamenti per ulteriori sviluppi della Fondazione (tra i quali lo stesso Museo) e che magari, qualche banchiere tifoso del Toro dovrà scegliere tra altri progetti per offrire un finanziamento sapendo che sarà riposto in buone mani. Sarà colui che dovrà decidere, insieme agli altri membri, a chi assegnare gli appalti per la costruzione del Fila e a chi assegnare le aree commerciali definendone ulteriormente i criteri di scelta. Sarà colui che definirà come utilizzare gli ulteriori introiti provenienti dal Torino FC e alle aree commerciali, per i quali sarebbe importante avere la massima trasparenza.

Questa petizione nasce anche affinché i tifosi riscoprano il senso di difendere i propri diritti di tifosi e di cittadini nei confronti delle istituzioni, che troppo spesso si ricordano del Toro solo in campagna elettorale  mentre per l’altra squadra della città elargiscono favori a piene mani, nonostante si tratti di una società quotata in borsa.

Nei primi giorni di Settembre saranno portate le firme alla Fondazione e al Comune. Se volete far arrivare il vostro sdegno per tutto questo, firmate la petizione, ma fatelo solo se siete effettivamente convinti. Niente firme con seconde email. Niente nomi falsi. Mettete il vostro nome, la vostra faccia, per far capire che non siamo tutti disposti ad abbassare per l’ennesima volta il capo.

Migliaia di tifosi del Toro lo hanno già fatto. Porta anche la firma del tuo club scrivendo all’indirizzo:

petizione@toro-supporters-network.org

e facendo firmare ai vostri soci la petizione sul sito di Change.org, dove potete trovare anche maggiori informazioni sulla nomina con le quali voi e i vostri soci potranno decidere il libera coscienza:

http://www.change.org/it/petizioni/piero-fassino-sindaco-di-torino-rimuovere-zunino-dalla-carica-di-presidente-del-cda-della-fondazione-filadelfia

Collabora tu stesso al cambiamento che vuoi vedere!

(783)

Avatar

Di Leonardo Daga

Leonardo Daga è un tifoso del Toro, da anni attivo nella difesa dei diritti dei tifosi del Toro e ora collaboratore di Supporters In Campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.